Comune di Lapio, Powered by Joomla!
Mons. Carbone Cesare PDF Stampa E-mail

Mons. Carbone Cesare Scrittore e oratore sacro

Nacque a Lapio il 24 novembre 1866 da Ercole e Giuseppina Maio. A 11 anni entrò nel seminario di Avellino ed in questa città frequentò anche il liceo Colletta. Studiò Scienze Sacre a Benevento e Teologia al Collegio di Maria a Napoli. Nel novembre del 1890 conseguì la "Laurea Gratuita", mettendo in luce "eccelse qualità". Frequentò il Collegio San Giuseppe in via Zoccoletta a Ponte Sisto in Roma e si laureò in Teologia, presso l'Università Gregoriana. Nel 1892 conseguì la laurea in Diritto Canonico e divenne professore di Filosofia, di Diritto Canonico e Storia Ecclesiastica ad Isemia. Nell'ottobre del 1899 fu professore di Dommatica e poi Rettore del Seminario di Caserta. Nell'agosto del 1898 fu nominato Cameriere Segreto di S.S. Leone XIII e nel 1900 gli fu conferita la medaglia "pro Ecclesia et Pontifice". Il 29 luglio 1899 era stato nominato membro del Collegio Teologico Pontificio Beneventano.Fu in questo periodo che diede alle stampe "Lezioni teologiche", "L'autenticità degli opuscola coelestina", insieme a"Il Natale in Colle gio", "Le ore desolate di Maria", "I Venerdì di marzo", "Il devoto dell' Addolorata", "Le virtù teologali e l'Addolorata", "Il rito dell'incoronazione", "La vita del Sacerdote", "Il sacerdote civilizzatore dei popoli", "Studi delle opere di Mons. Donato dell'Olio", "Uno spunto teologico del Cigno di Pescara".Tutta questa produzione è l'indice certo della sua convinzione religiosa, dell'intemeratezza severa dei suoi costumi, di un profondo amore per la Madonna.Il 4 ottobre 1906 divenne Vicario Generale in Sant' Agata dei Goti, Rettore del Seminario e professore di Dogmatica. Pubblicò "De modernistarum doctrinis". Nel 1911, con decreto della Sacra Congregazione Concistoriale fu nominato Rettore del Seminario Interdiocesano di Viterbo, dove insegnò Teologia dogmatica. Qui mandò alle stampe "L'inno del dolore mariano", "L'editto di Milano", "Dell' arte del bel porgere", "Studi eulogici: la Sacra Eucarestia".

Nel 1911 fu Rettore del Seminario apulo-lucano di Molfetta, dove scrisse la "Praxis ordinandorum" e "Examen confessoriorum". Il 31 luglio 1923 si ritirò nel suo paese d'origine, a Lapio, per dedicarsi con più riflessione alla sua opera prestigiosa unica nel suo genere, di altissimo valore tomistico, al "Circolus Philosophicus". Divenne arciprete della parrocchia di Santa Caterina V. M. e si dedicò all'oratoria sacra con maggiore intensità.Scrisse ancora "Nel paese degli Irpini".Chiuse nel lavoro la sua giornata terrena il 13 marzo 1942.

 

Bussola della Trasparenza

Verifica in tempo reale:

- Selezionare la tipologia "Comuni"
- indirizzo: portali.studiok.it/lapio

oppure

clicca qui per aprire l'immagine

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su Chiudi acconsenti all'uso dei cookie. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.