Carbone Albino Stampa

Carbone Albino

Ten. Comm/to in S. P. E. Disperso

Nato il 22 febbraio 1917 dall' avv. Luigi e da Romano Maria Grazia Anna, trascorse la sua fanciullezza a Lapio, paese d'origine dei suoi genitori, i quali si erano definiti vamente i vi trasferiti nel 1921.

A Lapio frequentò le scuole elementari. Nel 1940 si laureò in Giurisprudenza presso l'Università di Roma. Ammesso con concorso all' Accademia di Modena, frequentò il corso di Commissariato, ottenendo questo giudizio: "ottimo elemento; molto disciplinato, di carattere generoso e leale." Con il grado di sottotenente fù distaccato a Palermo e successivamente a Tirana nel 1943, presso la direzione di commissariato dell' intendenza IX armata, accompagnato dai voti di coloro che l' avevano conosciuto e dei quali si faceva interprete il Ten. Col. Commissario Vincenzo Cultresi: "Ti accompagnino ovunque i miei voti augurali per un felice avvenire, date le tue ottime doti di mente e di cuore" .Il suo avvenire si ridusse nel recinto dei campi di concentramento in Polonia. Deportato, fu assegnato al Campo M-Stammlager 366 Zwveiglager in Biala Podlaska.

Respinse con sdegno la disonorante formula di adesione alla repubblica sociale italiana, che diceva: "Mi dichiaro volontariamente pronto a combattere con le armi nel costituendo nuovo esercito del Duce, senza riserve, anche sotto il comando supremo tedesco". Ripugnò alla sua lealtà di cittadino e di soldato italiano, "perché legato da un giuramento di fedeltà al quale il suo onore di soldato impone di prestar fede e dal quale nessuno può esimerlo". Respinse anche l'ordine di lavoro obbligatorio, appellandosi alle norme della "Convenzione di Ginevra".Rifiutò così il salvacondotto per aver salva la vita, per il ritorno a casa tra i suoi; e la rabbia degli oppressori si accanì ancora di più. Nel gennaio del 1944 fu trasferito nel Campo M. Stammlager XI B Of di Deblin-Irena, prima nello Stalag 307 P. U. e poi nell'Oflag 77. Gepruft. La razione di pane fu ridotta a meno di 150 grammi ed il trattamento divenne disumano per lui e per gli altri internati, che, come lui, vollero offrire una sorda resistenza, come modesto contributo alla causa italiana.Il 14 agosto 1954 fu dichiarato Disperso

 

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su Chiudi acconsenti all'uso dei cookie. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.